Archivio per Categoria Strategie di E-commerce

DiMichele Dell'Edera

Web strategies: Ma ce le hai le risorse ?

Quello che mi accingo a fare non è certamente un discorso venale. Capita spesso di incontrare possibili clienti che, dopo aver declinato il loro sogno di sbarcare sul web per vendere on line o per fare più engagement e portare più gente nel proprio negozio, nella propria attività, si spaventino nella lettura del preventivo.

Il web di oggi non è un’attività di “presenza” sulla rete, è un’attività di contatto, di diffusione del proprio brand, delle proprie offerte, di promozione dei propri prodotti, di contatto con le persone, di aggiornamento continuo dei contenuti, di realizzazione di foto e video, di stesura di white-paper e pubblicazioni da concedere ai propri clienti, di relazioni da instaurare e sostenere nel tempo.

Il tempo, appunto, è una delle cose fondamentali da investire. Per fare tutto quanto elencato prima c’è bisogno: di studio, dell’approfondimento del mercato on e off line, della valutazione della concorrenza, di studio dei comportamenti dei potenziali clienti sulla rete, di capire come vengono effettuate le ricerche sulla rete, di mettere giù una strategia, di organizzare delle tattiche, di scegliere gli strumenti adatti e implementarli, di avere un piano commerciale, di pianificare i contenuti sui vari canali e produrli, di coinvolgere l’azienda in questa attività, di guardare e analizzare i dati dell’attività in corso, saperli leggere e valutare, saper correggere la rotta… e potrei andare avanti per ore.

Questa sfilza di attività ha bisogno di risorse di due tipi: 

  1. Se si decide di affidarsi a consulenti esterni ci sarà bisogno di affidare loro questo gravoso impegno e fare in modo che lavorino in sinergia diretta con l’azienda sono necessari budget congrui da investire per poterli pagare.
  2. Se invece si pensa di investire sulle persone interne all’organizzazione aziendale, non bisogna cadere nell’errore di pensare che dato che sono interne, dato che già le paghiamo, allora il costo sarà basso.

Se scegliamo l’opzione due, non dobbiamo mai dimenticare il fattore “tempo”. Queste persone avranno bisogno di tanto tempo (senza mettere in campo qui la valutazione della competenza e del tempo che sarà necessario per imparare). Questo tempo, come dice un vecchio adagio è: DENARO.

Quando pensiamo di partire con un’attività di vendita e di favorirla con la rete, non dimentichiamo mai di farci questa domanda:

QUANTE RISORSE INTENDIAMO INVESTIRE ?

BUON NATALE A TUTTI !  

Iscriviti alla newsletter, ti tengo informato:

DiMichele Dell'Edera

Vendere Online, la rete al servizio delle imprese, ecco le slide presentate a SMAU Napoli

Lo scorso 15 dicembre a Napoli durante l’edizione 2017 di SMAU Napoli, nell’arena SMAU Academy ho presentato le slide che vado a pubblicare qui di seguito.

Il titolo del mio workshop era:

Vendere utilizzando la rete: webrooming e funnel di marketing digitale, come cambia il business on line 

Se vuoi approfondire contattami !

DiMichele Dell'Edera

Vendere on line, strategie e opportunità con il Digital Marketing. Ne parliamo a Napoli !

C’è una battaglia in corso tra chi vuole vendere on line e chi vende in negozio ? Una delle due parti soccomberà ? I consumatori faranno una scelta definitiva ?

Io credo che entrambe le parti potranno continuare a fare business a patto che entrambi, negozio on line e negozio fisico utilizzino correttamente e a proprio vantaggio la rete.

Si possono mettere in campo strategie digitali per portare persone nel proprio e-commerce e fare in modo che acquistino attraverso funnel di vendita ben organizzati e un’attività sulla rete appropriata e si può portare persone, lavorando sulla rete in negozio, nel proprio negozio fisico in città, nel quartiere.

Quello che è imprescindibile è l’attività sulla rete per restare agganciati ai propri clienti di sempre e per coinvolgerne di nuovi.

Ci sono due fenomeni oggi on line: lo showrooming, chi va in negozio sceglie il suo prodotto e lo acquista on line, e il webrooming, chi sceglie il prodotto sulla rete e acquista in negozio. Se si riesce a intercettare, a seconda dei propri obiettivi,  ciascuno di questi fenomeni ognuna delle due “fazioni” in guerra riuscirà ad ottenere ottimi risultati di vendita…

Se volete abbiamo l’opportunità di approfondire questi temi il prossimo 15 dicembre a Napoli, presso la Mostra d’Oltremare a SMAU alle 10. L’appuntamento è presso l’Arena Smau Academy. Vi aspetto là e ne parliamo.

Il titolo del Woorkshop è: Vendere utilizzando la rete: webrooming e funnel di marketing digitale, come cambia il business on line – Cliccate qui per iscrivervi

DiMichele Dell'Edera

Cosa sai del “tuo” cliente ?

Ecco provate a riflettere… 2 minuti per capire se riusciamo a fare tesoro di quelle “visite” che arrivano nei nostri negozi, uffici, attività, siti internet, e-commerce. Ecco se qualche dubbio vi scatta dopo questo breve video, venite il 5 ottobre in Camera di Commercio a Foggia a: “Store Telling – Come (non) comunicano e quali strumenti (non) adoperano le attività commerciali” (Iscriviti)

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=4Ei_QhJzSN8]

DiMichele Dell'Edera

Di cosa ti occupi ? Sapete rispondere a questa domanda ?

Quando c’è un incontro per affari una delle prime domande che ci viene fatta è: Di cosa ti occupi ?

Proviamo a fare un esercizio: Proviamo a spiegare con 10 parole di cosa ci occupiamo.

Avete fatto ?  Magari se volete, inviatemi pure le descrizioni che sono venute fuori !

Provo ad aiutarvi proponendovi di tenere ben in mente tre aspetti dei quali non potete non tener conto:

  • Cosa fate ?
  • Per chi lo fate ?
  • Perché lo fate meglio degli altri (perché dovrebbero scegliervi)

Se siete riusciti a tirare fuori quella famosa risposta al “di cosa ti occupi ?”, molto probabilmente avete a vostra disposizione la descrizione breve della vostra azienda e, magari, tutti gli elementi per creare il vostro payoff aziendale.

Il racconto vostro e della vostra azienda dovrebbe poi comprendere delle storie che provino a:

  • Descrivere il proprio mercato di riferimento e il suo principale problema
  • Descrivere la (vostra) possibile soluzione del problema
  • Raccontare una storia concreta nella quale “tu” azienda hai risolto quel problema
  • Raccontare i benefici ottenuti dai vostri clienti una volta usata la vostra soluzione. Raccontare un caso di studio oppure far raccontare ai tuoi clienti la loro storia con te.

Non dimenticare che tu (e anche io ovviamente) per esistere devi comunicare te e il tuo brand. Per farlo c’è bisogno che:

  • Il tuo brand (anche personale) debba rappresentare una sua specializzazione
  • Il tuo brand debba essere quindi associato a una categoria ben precisa e riconosciuta
  • Tu racconti i punti che hai in comune con il tuo pubblico (dove puoi essere utile e come)
  • Tu promuova anche gli altri (e il loro lavoro o riflessioni) … In questo modo promuoverai anche te stesso

Parleremo di comunicazione e di brand anche nei prossimi appuntamenti di #EcommerceLAB. il primo in calendario è il 26 settembre a Foggia nel quale parleremo di negozio e marketing digitale di prossimità. Se vuoi e puoi partecipa. Prossimi appuntamenti a Taranto e in altre città italiane.

DiMichele Dell'Edera

Ecosistema web, come cominciamo in 7 mosse.

Al netto di tutta la parte legata alla fondamentale fase di analisi, di stesura del Business plan, di valutazione delle risorse a disposizione e del mercato, oltre a un’attenta valutazione su strumenti e uomini a disposizione del progetto, proviamo a dire, operativamente come cominciamo:

Mettiamo su la piattaforma software per il content management
Che sia un progetto di e-commerce, o un progetto web dovremo scegliere quale piattaforma CMS (Content Management System) fa al caso nostro, progettare l’albero del sito, procurarci i contenuti e inserirli facendo attenzione che siano pensati anche per una corretta indicizzazione nei motori di ricerca. Il sito va progettato anche in modo tale che garantisca una buona esperienza di utilizzo all’utente.

Creiamo il nostro profilo sulle varie piattaforme social prescelte.
Scegliamo le piattaforme più adatte al nostro progetto d’impresa sulla rete e agli obiettivi che si vogliono raggiungere. Ad esempio: Facebook, Twitter, Instagram e Linkedin.
Su Facebook creeremo la nostra pagina fan aziendale, di store o di prodotto. Su Twitter il nostro profilo, su Instagram la stessa cosa veicolando immagini evocative della nostra attività, della nostra produzione (ad esempio il prodotto base dei nostri prodotti… produciamo birra… che so.. il luppolo) e una pagina Linkedin aziendale. A proposito di Linkedin sarebbe opportuno che anche il personale aziendale e, soprattutto il management, siano presenti anche con profili personali su questa piattaforma per trasmettere l’idea che non c’è solo l’azienda… la Partita Iva, ma le persone dietro quella attività.

E’ fondamentale che i profili aziendali siano completi di tutte le informazioni: breve presentazione aziendale o di prodotto, tutte le possibilità di contattare l’azienda (sito, blog, e-mail, skype, telefono, chat, ecc.), tutti i link necessari a raggiungere più informazioni, tutti gli strumenti necessari affinché chi entra in contatto con l’azienda possa lasciare una traccia… una e-mail ad esempio, con un’iscrizione a una newsletter…

Condividiamo 
Condividiamo i contenuti nostri e di terzi senza avere remore se attinenti a ciò di cui ci occupiamo. Sono i contenuti che aiutano a creare contatti e relazioni.

Costruiamo Connessioni / Relazioni
Sulla rete bisogna andare alla ricerca di contatti. Su alcuni social, soprattutto a livello personale e non come azienda, è possibile andare a richiedere il contatto a chi pensiamo possa essere una persona interessata ai nostri contenuti o semplicemente interessante per ciò che scrive o pubblica. La pubblicazione e la condivisione dei contenuti, l’utilizzo degli hashtag o il taggare nei nostri post altri interlocutori può facilitare il contatto e la relazione che poi va coltivata e resa produttiva in qualsiasi senso noi vogliamo intendere la parola “produttiva”. Potremmo sintetizzare: Deve darci valore e noi dobbiamo dare valore.

Integriamo i vari canali tra loro (se lo riteniamo utile o valido per noi)
C’è la possibilità di connettere molti canali social e web (siti, blog) tra di loro. Se lo riteniamo utile ai nostri obiettivi facciamolo pure. Io resto comunque convinto che ogni canale digitale ha un suo linguaggio e una sua utenza e non sempre ciò che funziona in un canale funzionerà nell’altro. Questa però è una valutazione che dovete fare voi anche in base alle verifiche che andrete a fare nel tempo e al successo o all’insuccesso che avranno i vostri post su un canale piuttosto che su un altro.

Contenuti coerenti ai nostri obiettivi
Ovviamente non possiamo parlare del sesso degli angeli se questo non ha nulla a che vedere con il nostro business. Parleremo di questioni o direttamente connesse al nostro business o in qualche modo correlate. In ogni caso i nostri contenuti dovranno essere: interessanti, divertenti, simpatici, utili o in grado di trasferire valore (qualunque esso sia). Se saranno così risulteranno essere “virali”.

Siamo presenti (presidiamo i nostri canali) 
Se abbiamo messo su un ecosistema web e una serie di canali digitali questi vanno presidiati. Questo sia pubblicando contenuti che gestendo le interazioni che si andranno a creare con i vostri interlocutori. Canali digitali poco aggiornati o che non danno risposte ai propri interlocutori sono canali inutili e presto saranno abbandonati dalla vostra utenza che, a quel punto, risulterà essere solo “di passaggio”.

Buon lavoro !

…e se volete contattatemi !

[contact-form-7 404 "Not Found"]
DiMichele Dell'Edera

Per chi si è perso #EcommerceLAB ecco la registrazione video

Per chi si è perso lo scorso 27 giugno l’EcommerceLAB a Foggia, ecco la registrazione dell’evento. Per vedere i mio intervento portate il cursore al punto 2.12.15 del video.

Ecco l’elenco degli intervento dei miei colleghi.

L’intervento di Apertura è di Domenico Palma Valente
Per vedere il secondo intervento di Gianluca Molinaro portate il cursone al punto 51,00 del video
Per vedere l’intervento di Raffaele Tortora portate il cursone al punto 1.16.18 del video
Per vedere l’intervento di Giuseppe Cristofaro portate il cursone al punto 2.51.00 del video
Per vedere la chiusura di Domenico Palma Valente portate il cursone al punto 3.25.00 del video.

 

Clicca qui per vedere il video

DiMichele Dell'Edera

Parliamone ad #EcommerceLAB, il mio personale video invito

Il 27 Giugno alle ore 15 presso la Camera di Commercio di Foggia vi aspetto insieme ai miei colleghi di Asernet a “EcommerceLAB: perché, come e quando investire in un negozio on line”

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=Spx4-12TzK8?ecver=2]

Iscriviti direttamente da qui a #ECOMMERCELAB
[contact-form-7 404 "Not Found"]
* i dati raccolti saranno solo ed esclusivamente utilizzati per l’evento segnalato.
DiMichele Dell'Edera

Digital Strategies: Consulenti e Azienda, la sinergia è indispensabile

Se c’è una cosa di cui si lamentano e le aziende e i consulenti, quando si parla di digital strategies è che ognuna va per conto suo.

L’azienda continua la sua vita come se nulla fosse, i consulenti provano a mendicare informazioni dal management o da chiunque possa fare una “soffiata” su ciò che l’azienda sta facendo o vorrebbe fare.

Questo succede, forse, perché si parte da due assunti sbagliati e cioè:

  1. L’imprenditore crede di aver delegato ed esternalizzato in toto la presenza dell’azienda sulla rete e che questa attività vive e vivrà di vita propria.
  2. Il o i consulenti credono di essere talmente in gamba che, una volta definiti gli obiettivi e conosciuta l’azienda, non sarà più necessario sentire il management perché tanto di comunicazione e strategie su web  se ne occuperanno loro.

Il primo sbaglia perché l’azienda che prende vita sul web non è un’altra entità che vivrà di vita propria salvo portare nuovi incassi e nuovi contatti all’azienda “in carne ed ossa”… quella reale. presto si accorgerà che le cose non funzionano o, peggio, dimenticherà che la sua azienda vive anche on line.

I secondi perché passate le prime settimane a pubblicare post, foto e video, che parlano dell’azienda a un certo punto si troveranno a corto di idee e di notizie “vere” riguardanti l’azienda cliente, i suoi prodotti, le sue strategie, le nuove campagne in store, eccetera. Cominceranno ad annaspare !

Quando si decide di varare un progetto digitale di un’azienda, a maggior ragione se poi si tratta di e-commerce, tra azienda madre e azienda consulente si stipula non un contratto, ma una specie di matrimonio. Si decide cioè di fare un percorso condiviso nel quale è fondamentale delegare le operatività al fornitore, ma anche rendere sinergiche tutte le decisioni strategiche. Senza sinergia tra fornitore e cliente non ci possono essere risultati apprezzabili.

Il fornitore di servizi digitali in realtà diventa uno di casa, un parente stretto, uno dell’azienda. I contatti con il management sono giornalieri.

Questo consentirà di essere efficaci nell’azione on line, ma anche di correggere o migliorare il tiro.

Senza sinergie, questo matrimonio durerà poco.

Per chi vuole incontrarmi, alle 15, il 27 giugno sono a #EcommerceLAB a Foggia in Camera di Commercio.

DiMichele Dell'Edera

Vediamoci ad #EcommerceLAB in Camera di Commercio a #Foggia

Il prossimo 27 giugno alle ore 15,  sarò in  Camera di Commercio a Foggia, ad “EcommerceLAB: perché, come e quando investire in un negozio on line”, evento organizzato da Asernet in partnership con Compagnia delle Opere di Foggia, Confindustria Foggia – Piccola Industria, Confcommercio Foggia. Un vero e proprio laboratorio sull’e-Commerce dedicato agli imprenditori che vogliono aprire un negozio on line o che hanno già iniziato la loro avventura digitale e vogliono approfondire.

Sarò là insieme a Domenico Palma Valente, Gianluca Molinaro e Raffaele Tortora a raccontarvi come aprire un negozio on line e fare e-commerce non sia una scelta che si improvvisa.

Per partire c’è bisogno di un Business Plan, di conoscere il proprio settore di riferimento e il comportamento relativo del proprio mercato sulla rete, sapere quanto, come e dove investire.

Poi bisognerà scegliere la piattaforma software più adeguata al modello di business che vi siete dati e ai vostri potenziali clienti; bisognerà pensare alla logistica e alle strategie marketing.

 

Lavoreremo insieme, simulando casi concreti e tenendo conto di tutti i particolari necessari a rendere di successo un progetto di negozio on line sia esso BtoB che BtoC.

L’incontro è gratuito ed è aperto al pubblico, vi aspetto per poter scambiare due chiacchiere con voi e arricchirmi di ulteriori aspetti a cui magari non avevo mai pensato nella realizzazione di un sito e-commerce

Durante l’incontro, ma anche da subito, possiamo usare l’hashtag #EcommerceLAB.

Vi aspetto, intanto iscrivetevi !

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi