Archivio per Categoria Pa intelligente

DiMichele Dell'Edera

Smart City, Marketing Territoriale, Fare Impresa, quel web 2.0 che può fare la differenza

destinoSi fa molto parlare di Smart Cities e della loro evoluzione, di implementazioni tecnologiche come la fibra ottica, di capacità di coinvolgere i cittadini attraverso i vari canali che oggi la tecnologia ci mette a disposizione.

E’, allo stesso tempo, importante che gli enti territoriali e gli enti che hanno come mission la promozione dei territori si attrezzino per un marketing territoriale sempre più avanzato e sempre più in grado di sfruttare le potenzialità del web e del mobile per rendere sempre più conosciuti e appetibili i propri territori.

E come possono fare i territori a favorire la sempre maggiore richiesta di sostegno e aiuto anche informativo, logistico e consulenziale a chi vuole far nascere una startup? Ecco che il tutto si salda in una solida promozione e in un solido sostegno al “Fare Impresa”.

In tutto ciò, il web, più largamente inteso come ecosistema di comunicazione e informazione e come arcipelago di device che ci tengono sempre connessi, può essere utile a rendere la smart city sempre più smart, il marketing territoriale sempre più efficace e il fare impresa sempre più facile evitando errori?

Diciamo di “si”, proveremo a comprendere meglio il ruolo del web “partecipato” e tutti i temi correlati in questo apposito workshop a SMAU Napoli. Arena Smart Communities – giorno 11 dicembre ore 15 – Mostra d’Oltremare. Leggi tutto

DiMichele Dell'Edera

#Turboblogging un po’ per noia un po’ come l’uovo di Colombo

turboblogging1Come si può parlare di ricerca e di innovazione nel chiuso di una stanza e far sapere tutto al mondo ?

Secondo me lo staff della Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna che doveva lavora a un’idea per mettere su un evento per la “fabbrica dell’innovazione” ha fatto la sua prima riunione seduta vicino a uno stagno e mentre qualcuno enunciava parole del tipo “l’incontro della tecnologia, della ricerca e bla e bla e bla…” qualcun altro preso dalla frustrazione e dallo sconforto ha cominciato a tirare sassolini nello stagno e qualche onda ha cominciato ad ampliarsi attorno al punto di impatto del sassolino… Effetto conosciuto. Ma poi sempre qualcun altro un po’ per passare il tempo un po’ per rompere le scatole al primo ha cominciato a tirare ulteriori sassolini in un altro punto dello stagno cominciando a creare altre onde che un po’ si fondevano, un po’ ingrandivano, un po’ andavono a contrapporsi alle onde  prodotte dal primo. E pian piano, quasi senza rendersi conto conto un po’ tutti hanno cominciato a tirare sassolini nello stagno e sempre più i cerchi concentrici dei sassolini si intrecciavano come e più dei cerchi olimpici.

Qualcuno allora ha detto: “fermi tutti e se coinvolgessimo dei blogger ?”. In fondo essi sono come i sassolini creano onde, tag e hashtag che si intrecciano con quelli degli altri… per diffondersi un po’ poi dapperttutto…

E così è nato #Turboblogging. Un po’ per noia attorno a uno stagno, un po’ come l’uovo di Colombo.

Veramente una grande idea !

DiMichele Dell'Edera

Cosa rende Smart una città ?

Smart-Cities_sce2012Diciamocela senza andare troppo per le lunghe. L’aggettivo “Smart” (intelligente) è usato e abusato e, in fondo, anche io ne sto abusando per parlarvi di una cosa che potrebbe anche essere “obvious” (ovvia) più che intelligente.

Le città hanno il dovere di comunicare e di rendere fruibili per i loro cittadini dei servizi senza bisogno che essi si muovano dalle loro abitazioni per recarsi presso gli uffici competenti.

Una città può essere partecipata e il suo sviluppo condiviso senza la necessità di organizzare ogni volte un incontro pubblico o un coinvolgimento formale.

Non che gli strumenti di incontro tradizionali e di fruizione diretta dei servizi vadano superati, ma certamente essi possono essere, diciamo così aiutati e supportati da un’intensa e “intelligente” attività on line.

Un’amministrazione pubbica può, anzi deve, anzi dovrebbe, coinvolgere i propri cittadini nella progettazione della città del futuro, nella possibilità di prendere delle decisioni, nella capacità di aiutare i propri amministratori nell’intervenire tempestivamente e quindi nelle segnalazioni, nella doverosa possibilità di erogare servizi efficienti e veloci.

In poche parole una città che ci tiene al proprio futuro e che vive il proprio presente.

Un Ecosistema cittadino, una “Smart Community” come amo chamarla io che mette insieme tutte le sue componenti e condivide percorsi.

Ne parlerò, anzi, ne parleremo a Roma allo SMAU chi vuole sono lì il 21 alle ore 13 in arena Smart City.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi