WP, due possibilità: scaricarlo o utilizzarlo sulla sua piattaforma server

bloggerAbbiamo detto che possiamo utilizzare WordPress in due modi, o iscrivendoci a WordPress.com creando il nostro blog “pincopallo.wordpress.com” oppure scaricare l’ultima versione (magari quella in italiano) e installarla nel nostro spazio hosting acquistato presso qualcuno dei tanti fornitori che esistono, oppure su nostro server proprietario.

Il CMS in entrambi i casi è molto simile, ma non è uguale. Se decidiamo di attivare un blog su piattaforma WordPress.com, come sto facendo io in questo momento con questo blog, allora, nella versione free,  allora si avrà a disposizione una piattaforma molto performante, ma nella quale non si avrà la possibilità di aggiungere, ad esempio dei plugin. Di contro però non ci sarà mai bisogno di fare aggiornamenti perché tutte le componenti del backoffice sono aggiornate direttamente da WordPress.com senza alcun intervento manuale da parte nostra.

Sarà sempre possibile scegliere il “tema grafico” che si vorrà e sarà sempre possibile gestire i “Widget” nelle varie aree previste dal tema grafico scelto.

Nell’inserimento degli articoli, una delle cose interessanti inserite in quest’ultimo periodo sono l’aggiunta dei bottoni per la gestione delle componenti multimediali “Aggiungi media”, per la gestione dei Sondaggi “Aggiungi sondaggio”, e, soprattutto quello “Aggiungi modulo contatto” che consenti di creare un form nell’articolo utile a raccogliere informazioni dirette attraverso una email. Questo ultimo modulo è una chicca, perché, per quanto possa apparire banale, consente facilmente di creare un legame tra chi legge e chi scrive. Ultima aggiunta di questi giorni è il bottone che consente di geolocalizzare l’articolo.

A WordPress.com è possibile aggiungere un proprio dominio e renderlo come indirizzo principale, un po’ come ho fatto io con micheledelledera.it. E’ un sistema, questo, per rendere comodo e nello stesso tempo non troppo impersonale un sito, un blog.

E’ fondamentale oggi, rendere facile, all’utente, al produttore di contenuti l’approccio con il web e la pubblicazione degli stessi. Quanto più è necessaria per ogni variazione di un portale l’intervento di un tecnico, tanto più la soluzione non è consigliabile e non è progettata al meglio. Eh, si, perché in queste nostre chiacchierate dobbiamo parlare anche dello strumento, ma mai dimenticarci che dietro ci deve essere una strategia.

Il protagonista di un sito non può essere il webmaster, ma il suo ideatore, il suo proprietario.

E’ banale ? Forse si, ma non troppo ! Il blog, il sito, il portale non sono una “soluzione informatica”, sono uno strumento per comunicare e soprattutto per creare relazioni.

E’ solo il proprietario colui che può realizzare questo, mai il consulente o addirittura un esterno delegato a questo. Leggi di più a proposito di WP, due possibilità: scaricarlo o utilizzarlo sulla sua piattaforma server

CMS o Community ? Sembra banale ma non è così

communitySe, come ho avuto modo di dire, la strategia e l’avere chiari gli obiettivi da raggiungere è fondamentale per chi vuole intraprendere un’avventura business sulla rete, è altrettanto vero che anche la scelta degli strumenti e il loro utilizzo può essere fondamentale per raggiungere i risultati sperati.

Partiamo dall’inizio, da quello che potrebbe essere il contenitore dei miei contenuti. Il mio blog, il mio sito, il mio portale.

La prima cosa da scegliere è il CMS (Content Management System), in pratica il software web based che serve a pubblicare news, immagini, video, prodotti e altro su web senza conoscere necessariamente il codice HTML o essere un webmaster.

Sul mercato esistono tante web agency brave e molto avanti in grado di sviluppare CMS molto ben congegnati e molto ben scritti in grado di essere tecnicamente all’altezza delle necessità di molti.

La domanda è, però: abbiamo bisogno solo di una soluzione software ? Avanti (all’avanguardia) quanto vogliamo, attenta agli standard W3C, web 2.0 ecc. ecc. ma basta ?

Per quanto la web agency sia specializzata e forte, io credo che oggi si debba fare una scelta per la quale il software CMS sia in realtà il frutto del lavoro e dello sviluppo di una community, anzi, per certi versi e in certi casi sia una Community.

Io non ho dubbi, sono abbastanza convinto, diciamola così, che per realizzare un blog e non solo un blog  una delle scelte migliori sia WordPress. La sua versatilità, la sua community di sviluppatori infinita e sviluppata in ogni parte del mondo, la sua possibilità di essere CMS per un portale internet molto ben fatto o anche un potente motore per un blog fanno si WordPress una piattaforma con pochi uguali.

Ho usato anche altri CMS/Community, nessuno è così potente e nello stesso tempo veloce nell’evolversi come WordPress e la sua Community.

WordPress ha una sua particolarità: può essere scaricato e installato su un server in Hosting o in Housing di proprietà dell’azienda proprietaria del sito, oppure essere utilizzato direttamente sui server WordPress in comodato d’uso gratuito o a pagamento per le versioni “Premium”.

Queste due scelte non sono uguali, ciascuna ha i suoi pro e i suoi contro ed ognuna non è “buona per tutte le stagioni/soluzioni”. Anche qui la scelta bisogna farla per obiettivi e strategie. Leggi di più a proposito di CMS o Community ? Sembra banale ma non è così

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi